TRE MOSTRE DA NON PERDERE

A Milano tre mostre davvero da non perdere tra storia, cielo e genio…

Iniziamo con la magia dell’Egitto al MUDEC. Uno spaccato nell’Età dell’Oro dell’Antico Egitto attraverso il racconto dell’incredibile ritrovamento della Tomba del Faraone Amenofi II. Oggetti di vita quotidiana, mummie, sarcofagi, amuleti, statuaria, reperti e ricostruzioni dell’Età dei Faraoni. La mostra, tramite la figura del valoroso faraone Amenofi II e il periodo in cui visse (1427-1401 a.C.), ha lo scopo di presentare gli aspetti principali della civiltà dell’antico Egitto. Anche i più giovani potranno conoscere il mondo dell’antico Egitto grazie a un percorso speciale a cura di Geronimo Stilton! Per le famiglie con bambini da 6 a 11 anni una lettera firmata da Geronimo Stilton rivelerà i segreti dell’avventura da affrontare. Si esploreranno i reperti in mostra e, scoprendo il loro antico nome, si dovrà risolvere un enigma in codice che permetterà di seguire le orme dell’archeologo Victor Loret fino alla scoperta della tomba di Amenofi II. E alla fine, tutti insieme a fare gli scribi e i pittori nella Valle dei Re!

EGITTO. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II 
13 settembre – 7 gennaio 2018
MUDEC – via Tortona 56
Aperta lunedì dalle 14.30 alle 19.30, martedì, mercoledì, venerdì e domencia dalle 9.30 alle 19.30, giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30. Info e prenotazioni: 0254917 oppure http://www.mudec.it/ita/egitto-famiglie-e-bambini/

 

Dopo la storia, andiamo sulla luna con “NASA – A Human Adventure“. Di motivi per vederla, anche se non si è molto appassionati di astronomia, navicelle spaziali, Shuttle e altro ce ne sono sicuramente tanti, tra questi il fatto di potere constatare da vicino fino a dove è in grado di spingersi l’uomo e quanto riesce a evolversi nell’arco di oltre 60 anni. Già l’ingresso è suggestivo: avviene tramite una passerella in metallo, una sorta di corridoio, così come lo percorrono gli astronauti che devono passare dall’atmosfera esterna alla white room ad atmosfera controllata. Se poi si alza lo sguardo al soffitto, ecco la ricostruzione dello Sputnik che, lanciato il 4 ottobre 1957, trasmise segnali alla Terra per 21 giorni fino a che le sue batterie non andarono in avaria, finendo con il disintegrasi il 4 gennaio dell’anno dopo. E ancora il Saturno V, veicolo di lancio a 3 stadi alimentato a propellente liquido e sviluppato nel quadro di programmazione di esplorazione lunare nel progetto Apollo e il mitico Yuri Gagarin che portò a termine per primo la sua missione nello spazio nel 1961.  E poi si potrà vedere il cibo liofilizzato, i kit personali, le tute spaziali e i Rover lunari, una serie di navicelle spaziali, tra cui la capsula Mercury – modulo di comando dell’Apollo che portò per la prima volta gli uomini sulla Luna -, lo Space Shuttle e il telescopio Shuttle, celebre per le sue scoperte scientifiche e per essere stato costruito dalla NASA con contributi dell’Agenzia Spaziale Europea dall’astronomo Edwin Hubble, da cui prese il nome. E per finire, se volete, la vostra visita si può concludere con la centrifuga spaziale: salirete su una piccola navicella in cui simulerete il training che gli astronauti fanno nello spazio. La durata è di circa un minuto e mezzo e ci si può andare con i bambini, purché siano più alti di 1,20 metri.

NASA – A human adventure
27 settembre – 4 marzo 2018
Spazio Ventura XV – via Giovanni Ventura 15, Lambrate
Aperta dal lunedì alla domenica dalle 10.00 alle 19.30, anche il 24 e 31 dicembre dalle 10.00 alle 14.00, il 25 dicembre e 1 gennaio dalle 14.30 alle 19.30. Per ulteriori informazioni: www.ahumanadventure.it

 

E per finire, il genio! Una mostra che non solo riunisce per la prima volta i capolavori di Caravaggio provenienti da musei italiani e stranieri, ma a ognuno affianca radiografie, riflettografie e documentazioni che ne metteranno a nudo il processo creativo, la tecnica, i ripensamenti. E se ammirare un quadro di Michelangelo Merisi è di per sé un’emozione, comprenderne la nascita e l’evoluzione sarà un’esperienza unica. I quadri sono accompagnati dalle analisi diagnostiche multimediali, ovvero video che, in modo semplice ma rigoroso, svelano le tecniche pittoriche e le modalità esecutive dell’artista milanese. Piccole lenti che mostrano ai visitatori segreti inattesi, ripensamenti, l’uso magistrale della luce e dell’ombra, la materia pittorica. Per i più piccoli, due percorsi ad hoc, curati da Ad ArtemPer i bambini da 4 a 5 anni c’è la visita con laboratorio “Storie di volti ed emozioni” in cui si segue l’avventurosa vita di Caravaggio, nel suo viaggio attraverso l’Italia e attraverso l’arte della pittura. Se si osservano con attenzione i volti e i gesti dei personaggi che dipinge, si scopre che con grande realismo raccontano storie dense di sentimenti ed emozioni. C’è chi è spaventato, chi arrabbiato e chi felice… “E tu? Come ti senti?” si chiederanno i bimbi per imparare a osservare i volti e riconoscere in ogni espressione l’emozione che la provoca. Poi, sulle orme di Caravaggio, realizzeranno un’opera a tecnica mista. Prenotazione obbligatoria. Per i ragazzi da 6 a 10 anni, il tour con laboratorio s’intitola “Viaggio tra luci e ombre“. Gli inconfondibili chiaroscuri sono la cifra di Caravaggio.  Come faceva a ottenerli?  La parola chiave è «preparazioni a vista» e fu la necessità a fargli aguzzare l’ingegno. Dopo anni di piccoli lavori pagati pochi baiocchi, Caravaggio ricevette, grazie al cardinale Del Monte, una vera commessa: doveva realizzare dei grandi dipinti per San Luigi dei Francesi. Il compenso era molto (400 franchi), il tempo pochissimo (un anno), così il pittore decise di coprire le tele di preparazione scura, incidere il disegno e creare le figure dipingendo solo le parti chiare. Lavorò la metà e raggiunge l’obiettivo: quadri carichi di pathos e consegna nei tempi. Dopo la visita, i ragazzi esploreranno in maniera più approfondita i giochi di luci e ombre, e poi con pastelli e acquarelli impareranno a “illuminare” un viso. 

Dentro Caravaggio
29 settembre – 28 gennaio 2018
PALAZZO REALE – Piazza Duomo 12
Aperta lunedì dalle 14.30 alle 22.30, martedì, mercoledì’, venerdì e domenica dalle 9.30 alle 20.00, giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30. Per ulteriori informazioni: http://www.caravaggiomilano.it/ www.adartem.it

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cultura, mostre, week end. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...